Ti trovi in:

Home » Territorio » Informazioni utili » Aziende Vitivinicole » Azienda Agricola Foradori

Azienda Agricola Foradori

di Venerdì, 05 Settembre 2014
Logo aziendale

Vicina alla vecchia chiesa dei Frati Francescani, quasi all'imbocco della via Rotaliana che porta verso Mezzocorona, è situata la cantina Foradori.
L'azienda nasce, nel 1930, quando Vittorio Foradori acquista cantina e campagna dell'azienda agricola Enrico de Vigili e, da legale qual era, si trasforma in vignaiolo. Subito inizia una profonda trasformazione dell'azienda, abbandonando la precedente produzione di vino comune e puntando solo su vino di alta qualità. 
Grande figura, quella di Vittorio Foradori, non solo nel campo enologico, ma anche in quello sociale, dove, durante la seconda guerra mondiale, seppe proteggere molti suoi concittadini dalle persecuzioni naziste e, in seguito, fu ottimo sindaco di Mezzolombardo, per una decina d'anni. I due figli enologi proseguirono sulle orme del padre. 
Paolo, sposando Sieglinde Oberhofer, titolare della famosa cantina Hofstátter di Termeno; Roberto, nobilitando con il suo lavoro il marchio Foradori, tanto da lasciare, alla sua scomparsa, nel 1976, un'azienda che ora è un modello invidiato e imitato da molti. Dopo alcuni anni di relativa stasi, in cui l'azienda viene gestita dalla signora Gabriella, moglie di Roberto, nel 1985, viene presa in mano dalla giovane nipote del fondatore, Elisabetta Foradori, enologa diplomata. 
La signora Foradori, che può essere considerata la principessa del Teroldego, ripercorre le orme del padre. Resasi presto conto che le notevoli qualità del Teroldego erano ancora incomplete ed espresse solo parzialmente, si dedica, con arte e passione, a sviluppare le immense potenzialità di questo vitigno. 
Ciò significava lavoro notevole nel vigneto, nuovi impianti ad alta densità, graduale sostituzione della pergola trentina con l'impianto a guyot, controllo della resa, ma anche selezione massale per recuperare la varietà e, quindi, lavoro in cantina, con il controllo delle fermentazioni, lo studio del Teroldego prodotto e l'attento affinamento in botti di legno. Un lavoro lungo, di anni, che richiese passione e creatività, che ha già dato grandi risultati e più grandi ancora probabilmente, ne darà in futuro. 
L'azienda si estende su quindici ettari siti nel Campo Rotaliano e subito a Sud dello stesso. 
Oggi, produce 200.000 bottiglie, delle quali il 90% sono rappresentate da Teroldego. Fra i vini dell'azienda, il Granato è indubbiamente uno dei migliori Teroldego oggi prodotti, mentre l'Ailampa, è uno Syrah al 100%. 
Chi visita l'azienda viene accolto in un ampio cortile, arredato con gusto, e, se poi ha la fortuna di incontrare la signora Elisabetta e di parlare con lei, durante la visita alla cantina, ne riporterà impressioni vivissime.

Telefono
0461 601046
Fax
0461 603447
Indirizzo
Via Damiano Chiesa, 1 I – 38017 Mezzolombardo (TN)
Posizione GPS